Pindasweda: carezze ayurvediche in una luxury spa di Rimini

pindasweda ayurveda in spa a rimini

Immaginate un hotel di lusso con spa a Rimini, il tempio del divertimento estivo. Un hotel esclusivo, a pochi minuti dalla movida, ma incredibilmente tranquillo, buen retiro per chi non sa rinunciare al dinamismo estivo ma vuole concedersi una full immersion nel benessere. Siamo al Blu Suite Hotel di Rimini, e qui Wellness fa rima con Ayurveda. Ayurveda, ovvero la medicina tradizionale indiana, una particolare visione dell’uomo che identifica 3 dosha, o correnti vitali, dal cui equilibrio dipenderebbe la salute dell’intero organismo.

Nell’ampio panorama delle tecniche Ayurveda proposte da numerosi centri benessere, ci soffermeremo qui su un massaggio molto molto particolare: il Pindasweda. Parliamo di un trattamento che ricorre a sacchetti caldi ripieni di erbe aromatiche, da applicare in diverse zone del corpo a seconda delle richieste specifiche. I sacchetti, o potali, sono di cotone e contengono oltre a una miscela d’erbe anche specifici oli essenziali o spezie, in base alle necessità della persona trattata. Una variante del Pindasweda è il Patrasweda, dove i sacchetti sono invece ripieni di foglie.

Gli operatori specializzati di quest’hotel di lusso con spa a Rimini mettono al servizio dei clienti una sapiente manualità che affonda le sue radici in secoli e secoli di tradizione. Anche il Pindasweda, dunque, ha una sua scansione, e si articola in 3 fasi: una fase preliminare, il massaggio vero e proprio e poi alcune azioni di riequilibrio delle energie. I sacchetti caldi sono strofinati sul corpo o sulle aree interessate dopo un adeguato massaggio a base di olii, seguito da alcuni minuti durante i quali i potali sono semplicemente posati sulle aree da trattare.

Oltre a un benefico effetto rilassante e rigenerante, il Pindasweda stimola il drenaggio, è preventivo rispetto a diverse patologie e scioglie le tossine accumulate, eliminando anche il calore (vata) in eccesso. Talvolta si può praticare il Pindasweda poggiando i sacchetti nei punti corrispondenti ai diversi chakra del corpo energetico.

 

 

 

 

Leave a Reply